martedì 16 novembre 2010

L'intimità del felze

Molto meno si sarebbe scritto sulla gondola se non fosse stata ricoperta da quella sovrastruttura barocca detta "felze"
Il felze era una struttura mobile creata per riparare i passeggeri delle gondole. Composta dapprima di un semplice drappo poggiato su un arcuato telaio in legno, nel Cinquecento la struttura si abbassa e assume la forma di un vero e proprio riparo. A partire dal Seicento, la struttura viene ricoperta con la "rascia", un tessuto di lana nera venduto in calle delle Rasse.
La struttura in legno di noce veniva realizzata negli squeri, mentre i tappezzieri eseguivano le finiture interne, spesso in raso e in costosa passamaneria. Le decorazioni esterne erano realizzate da esperti intagliatori, e riproducevano divinità marine, teste di grifoni, fiori stilizzati. L'interno veniva arredato con tappeti, bracieri speciali, specchi e persiane che consentivano un completo isolamento. Sulla porticina d'ingresso, sotto allo stemma della casa patrizia, era appeso il "feral de codega" che dava una tenue luce all'interno del felze.
"Barca xe casa" si dice a Venezia, e il felze creava l'intimità di un rifugio personale. Nobili e cortigiane trovavano in questo minuscolo salotto uno spazio dove trascorrere il tempo conversando, cenando o giocando a carte. Ma il felze diventava anche un'alcova galleggiante, un talamo largamente utilizzato, una forma di mascheramento che concedeva tresche e comportamenti licenziosi a veneziani e foresti.
Il felze contribuì a creare il mito di una Venezia libertina e misteriosa, della gondola come cigno nero che scivola silenziosa sull'acqua nascondendo intrighi, misfatti e amori.
I romantici di tutto il mondo hanno cantato l'atmosfera "sotto l'intimità del felze, col vivido quadro veneziano incorniciato dal finestrino mobile", come scrisse Henry James.



English version
Version française 
(Fonte: C. Coco)

8 commenti:

  1. sì, bella quell'intimità :)

    RispondiElimina
  2. doveva essere una piccola magia trovarsi nella penombra di un felze, con il solo suono dello sciabordio della gondola e del remo che entra e esce dell'acqua...

    RispondiElimina
  3. Walter, post interessante e curioso.
    Certo che l'arredo interno e la "rascia" fanno pensare alle lunghe limousine americane dai vetri oscurati di oggi...

    RispondiElimina
  4. Io sostengo che se qualcuno proponesse giri con gondole munite di felze farebbe degli ottimi affari!

    RispondiElimina
  5. Ci sto lavorando, se tutto va bene per la primavera 2011 dovremmo essere in grado di aggiungere ai già esistenti tour in barca anche il giro in gondola con felze, ma come puoi immaginare si tratta di lottare contro la lobby dei gondolieri...

    RispondiElimina
  6. bel racconto,
    sei riuscito a ricreare l'atmosfera con parole che forse oggi si usano meno e creano questo stupendo effetto "d'epoca"

    RispondiElimina
  7. Un posto davvero curioso ed originale!

    RispondiElimina