venerdì 6 maggio 2011

Marangoni e intagliatori a Venezia

I marangoni a Venezia erano i falegnami, tra tutti gli artigiani forse i più importanti.
Il termine "marangone" deriva da quello dell'uccello lacustre, "smergo" (dal latino mergere: tuffare), che per nutrirsi si tuffa nell'acqua, proprio come facevano i primi falegnami per sistemare le carene delle galee, per cui, in seguito ad una serie di successivi variazioni, smergo-mergo-marango, si arriva appunto a marangone.
Questa categoria di lavoratori era così suddivisa:
- marangoni da case: realizzavano le parti in legno per gli edifici e oggetti per uso domestico
- marangoni da noghera: fabbricavano mobili
- marangoni da soazze: eseguivano cornici
- marangoni da nave: lavoravano all'Arsenale
Da non confondere con i marangoni erano gli intagliatori.
Questi lavoravano il legno d'intaglio e spesso lo rifinivano con una decorazione colorata o dorata. Alcuni di essi erano talmente abili da imitare perfettamente stoffe, cuoio e metallo.
Questa nobile arte si è tramandata ancora fino ai giorni nostri. In città il più celebre di questi maestri è forse Livio de Marchi, eccentrico artista-scultore che si contraddistingue non solo per la tecnica ma soprattutto per l'estro creativo non comune.

(Fonte: Filippi Editore)

6 commenti:

  1. E ne sono derivati anche cognomi, no?

    RispondiElimina
  2. Verissimo, esistono numerose famiglie che portano questo cognome, e chissà, magari non ne conoscono il significato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marangoni conomme Albania città durazzo sono Albania.durazzo.

      Elimina
  3. se citavi il papà Filippi Luciano magari ...comunque grazie ad aver accettato la sua tesi.
    franco filippi

    RispondiElimina
  4. Carissimo Filippi, il 90% delle informazioni da me riportate su questo blog provengono dai suoi libri ;-)
    Praticamente si può dire che questo blog è un monumento al vostro lavoro!
    Normalmente mi ricordo di riportare la fonte, ma a volte, nella fretta, sfugge...
    Comunque grazie per avermelo ricordato e grazie per le deliziose fritture che ogni tanto ci porta al baretto in San Canzian ;-)

    RispondiElimina